Hash

Hash

Risultati visualizzati 4

Risultati visualizzati 4

Che cos'è l'hash?

L'hash è un estratto di cannabis, fatto quando tricomi, le ghiandole resinose che rivestono la superficie delle piante di cannabis, vengono rimosse e trasformate in una forma concentrata. Di solito è di colore marrone o verde scuro e si presenta in un mattone o una palla.

L'hashish è un estratto senza solventi, poiché la rimozione dei tricomi viene eseguita con manipolazione fisica e sbalzi di temperatura, non con l'uso di solventi o sostanze chimiche.

Esistono diversi tipi di hashish e i processi per realizzarlo sono stati praticati per secoli.

Hash contro erba

Quando le persone parlano di cannabis, erba o marijuana, di solito si riferiscono a cime o fiori, non hashish.

L'hashish si riferisce all'estratto creato dai tricomi resinosi della pianta. L'hash può essere estratto in più modi; di più sui suoi diversi tipi di seguito. Poiché l'hash è un estratto, in genere ha un livello di THC molto più alto rispetto al fiore.

L'erba o il fiore vengono fumati in pipe, bong, canne e altro, e l'hashish può essere spruzzato sopra il fiore e fumato, oppure messo in un dab rig e tamponato.

Da dove ha origine l'hash?

La parola "hashish" deriva dalla lingua araba, che si traduce approssimativamente in "erba". Si ritiene che la divulgazione dell'hashish abbia avuto origine intorno al 900 d.C., sebbene alcuni hash, come charas, che è la raccolta di resina sulle mani dei coltivatori di cannabis, si ritiene esistesse prima della documentazione scritta. Si ritiene che il Mahjoun, un dolce ripieno di hashish, sia stato il primo commestibile alla cannabis e sia originario del Marocco.

Dopo la campagna di Napoleone in Egitto nel 1798, i soldati francesi portarono a casa l'hashish, che divenne popolare nel mondo occidentale nel 19° secolo. Per anni, i medici europei hanno importato hashish per la ricerca, il che ha portato all'introduzione di vari metodi di estrazione che hanno consentito un ulteriore perfezionamento delle tinture e dei farmaci di cannabis.

All'inizio del 20° secolo, le estrazioni di cannabis erano comuni nei drugstore negli Stati Uniti e in Europa. Non è stato fino al proibizionismo statunitense della cannabis all'inizio del 20° secolo che i prodotti a base di hashish sono stati messi fuori legge e respinti nel mercato illegale.

Con il riemergere dell'entusiasmo per la cannabis negli anni '1960, l'hashish è tornato alla ribalta. Paesi come Nepal, Afghanistan e Marocco hanno visto un aumento delle esportazioni di hashish verso i paesi occidentali. A quel tempo, l'hashish importato si presentava principalmente sotto forma di mattoni pressati a caldo a causa del calore e della pressione.

Non è stato fino alla fine degli anni '1980 quando la separazione delle ghiandole è stata introdotta in Occidente attraverso una macchina chiamata "master sifter". Secondo Ed Rosenthal nel suo libro Oltre i germogli, questa macchina rivoluzionaria di John Gallardi utilizzava le vibrazioni per separare le ghiandole tricomiche dal materiale vegetale.

Durante questo periodo, Neil Schumacher e Rob Clarke iniziarono a sperimentare metodi di estrazione dell'acqua, i primi precursori di quello che oggi chiamiamo bubble hash, o ice water hash.

L'attrezzatura utilizzata per rendere popolare l'estrazione dell'acqua ghiacciata è stata introdotta nel 1997 da Reinhard C. Delp al High Times Cannabis Cup. I suoi brevetti sarebbero stati successivamente adattati e modificati da Mila Jansen con i suoi sacchetti di isolamento per impollinatori.

Questo design sarebbe stato ulteriormente migliorato dall'appassionato di hashish canadese Marcus "Bubbleman" Richardson con il suo Borse a bolle, una delle poche aziende in tutto il mondo che hanno un permesso in leasing per utilizzare i metodi del brevetto originale del 1999.

Qual è la differenza tra hashish e altri concentrati di cannabis?

L'hash è un estratto di cannabis che esiste da migliaia di anni, mentre la maggior parte degli altri concentrati di cannabis esistono solo negli ultimi decenni con i progressi nella tecnologia di estrazione.

L'hash è semplice e facile da fare; ci sono diversi metodi per realizzarlo e chiunque può farlo a casa in modo sicuro e con forniture minime. La maggior parte degli altri concentrati, ad eccezione della colofonia, richiedono attrezzature costose e devono essere eseguiti da tecnici legali, autorizzati ed esperti.

Non tentare di effettuare estrazioni di cannabis con solvente da solo e assicurati sempre di acquistare qualsiasi concentrato da un negozio autorizzato, che richiede che i prodotti siano testati, per sapere che stai ricevendo un prodotto senza contaminanti o altri composti nocivi.

Diversi tipi di hash

Setacciare hashish secco

Setacciare a secco, chiamato anche dry setaccio, è una raccolta di ghiandole di resina raffinata che sono state separate dai fiori di cannabis utilizzando una serie di filtri a maglia fine. È essenzialmente una forma raffinata di KIEF.

Per creare un setaccio secco, gli estrattori strofinano, rotolano e asciugano la cannabis in asciugatrice su un setaccio a maglie finemente intrecciate. Questa agitazione rompe le ghiandole di resina essiccate dalla materia vegetale e le teste dei tricomi passano attraverso lo schermo.

Gli estrattori di solito strofinano il setaccio secco attraverso più schermi di maglie sempre più fini per raffinare ulteriormente l'hash.

La resina polverosa viene spesso utilizzata per ricoprire una ciotola o viene spruzzata in una canna per aggiungere potenza. Altri preferiscono pressarlo nell'hashish tradizionale o nella colofonia per tamponare.

Bubble hash (hashish con acqua ghiacciata)